Tabù Cosa

Che cos’è un tabù?

Secondo il mio bagaglio, è tabù qualche cosa che sa di proibito, interdetto, qualcosa che è meglio non dire, non sentire, non vedere. È tabù ciò che disturba la mia mente, i miei occhi, i miei valori, i miei ideali.

I miei appunto. I tuoi non lo so.

È tabù ciò che si ritiene immorale, anormale, eccessivamente fuori dal comune, dal buon costume.

InaccettabileGiusto.

ImmoralePuro.

Scandaloso – Normale.

La mia libertà finisce dove inizia la tua?

Chi ha abbastanza autorità per definire la fine? Chi ci indica dov’è l’inizio? E soprattutto, con quale criterio?

La mia visione di libertà è altra rispetto alla tua, magari per il semplice fatto che abbiamo un’età diversa oppure perché sei cresciuto in una casa e una famiglia differenti dalla mia. Azzarderei dire che anche nella stessa casa le visioni di libertà sono disparate.

Ciò non significa che la mia concezione è migliore. E nemmeno peggiore. È semplicemente altra.

Sono libero se percepisco un salario fisso o sono libero se faccio il lavoro che amo?

Sono libero se posso baciare il mio compagno ovunque io sia oppure sono libero se non dovrò mai vedere mio figlio tornare a casa con il suo compagno?

Sono libero quando i confini non sono muri o sono libero quando torno dentro le mura della mia città?

Sono libero se il mio sesso non è motivo di discriminazioni oppure sono libero perché con il mio sesso ci pago la mia sopravvivenza?

Sono libero se non sono soggetto a un matrimonio combinato o sono libero proprio per il fatto che i miei genitori sceglieranno per me il consorte più adeguato?

Per non parlare di argomenti come: mestruazioni, razza, violenza, religione, autoerotismo… potrei creare una lista di soli macro temi che meriterebbero un’analisi più dettagliata sulla miriade di micro tabù da sviscerare.

I tabù esistono, ma non basta: i tabù divorano, succhiano, uccidono la nostra libertà, in quanto spesso ci inducono a rinnegare la nostra stessa autenticità.

I tabù sono un cancro subdolo, bastardo.

L’unico dovere che abbiamo non è capire dove inizia e finisce la nostra libertà, ma fare in modo che i muri vengano abbattuti proprio per eliminare le etichette e per far sì che tutti possano sentirsi liberi dall’essere etichettati.

Se rispettiamo la diversità che ci circonda, se la viviamo senza paura, se procediamo con onestà, se accogliamo i nostri fratelli e sorelle con le stesse braccia con le quali vorremmo essere accolti: siamo davvero certi che definire i confini della libertà di ciascuno di noi sia un atto necessario?

Pubblicato da giuliaterenziblog

Sono Giulia, il mio spirito è libero. Sono curiosa di tutto, sempre alla ricerca, sempre in ascolto. La scrittura mi accompagna da quando sono bambina come una sorella, come un angelo custode...

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: